Plasmati dalle parole

SIAMO FIGLI AMATI

 

Dal Vangelo secondo Matteo 3,13-17
In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui.
Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare.
Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento». 
Siamo soliti dire che l’Epifania tutte le feste porta via; ed invece spesso ci dimentichiamo di questa bella domenica che segue l’Epifania, in cui la Chiesa celebra il Battesimo di Gesù, ed è con essa che si chiude il tempo di Natale, per immetterci nuovamente nel tempo ordinario.
Ed ecco che, per farci ripartire “alla grande”, la Liturgia, a mio avviso, ci presenta una bellissima pagina del Vangelo che a me infonde coraggio, gioia, certezza, speranza!
Sono tanti gli spunti di riflessione possibile partendo da questo brano…a me lo Spirito ha suggerito questo…
«Gesù rispose:” Lascia fare…conviene che adempiamo ogni giustizia”».
Dio non lascia proprio nulla al caso; ogni singolo avvenimento, incontro, parola, tutto rientra nel magnifico disegno di Dio, perché ogni cosa, per ciascuno, giunga a compimento.
Ma cosa deve adempirsi? Qual è la giustizia? Dio Padre per ciascuno di noi vuole che sia piena la nostra gioia! E’ la felicità che deve giungere a compimento! La giustizia è l’Amore!

Il nostro Creatore provvede alle sue creature con Amore di Padre, mantenendo fedelmente le sue promesse; ma a noi spetta il compito di “scendere”: Gesù scende nel Giordano. “Scendere” significa fidarsi totalmente di Colui che è l’Autore della Vita! Se riusciremo a lasciare noi stessi, fidandoci dei segni di Dio, scorgendo in essi il Suo Disegno d’Amore, allora non solo troveremo la felicità piena, ma scopriremo anche la più grande di tutte le ricchezze: siamo figli amati.
 
Auguri a tutti di un santo anno 2017, che sia per tutti e ciascuno un anno di fiducioso abbandono ai progetti provvidenziali di Dio! Vi accompagniamo con la preghiera e la semplicità della nostra offerta quotidiana!